cespo

Fedora

Supponiamo di avere questa situazione su #Fedora.

Luks+LVM+ext4 e vogliamo recuperare lo spazio non partizionato.

Vediamo con lsblk

[user@localhost ~]$ lsblk 
NAME                                            MAJ:MIN RM  SIZE RO TYPE  MOUNTPOINT
sr0                                              11:0    1  1.9G  0 rom   
zram0                                           251:0    0  989M  0 disk  [SWAP]
vda                                             252:0    0   40G  0 disk  
├─vda1                                          252:1    0    1G  0 part  /boot
└─vda2                                          252:2    0   19G  0 part  
  ├─fedora_localhost--live-root                 253:0    0    9G  0 lvm   
  │ └─luks-dc94334a-0c53-433a-8ff3-2a55ee295f33 253:1    0    9G  0 crypt /
  └─fedora_localhost--live-home                 253:2    0   10G  0 lvm   
    └─luks-d96ecc6b-57b3-4d18-aa1d-debb33725bd7 253:3    0   10G  0 crypt /home

Questa la situazione del Volume Group usando il comando vgdisplay.

[user@localhost ~]$ sudo vgdisplay 
[sudo] password for user: 
  --- Volume group ---
  VG Name               fedora_localhost-live
  System ID             
  Format                lvm2
  Metadata Areas        1
  Metadata Sequence No  3
  VG Access             read/write
  VG Status             resizable
  MAX LV                0
  Cur LV                2
  Open LV               2
  Max PV                0
  Cur PV                1
  Act PV                1
  VG Size               <19.00 GiB
  PE Size               4.00 MiB
  Total PE              4863
  Alloc PE / Size       4863 / <19.00 GiB
  Free  PE / Size       0 / 0   
  VG UUID               S9z1Ja-C1Kd-hBlv-qRtb-C3MK-762H-pIo4UP

E questa la situazione dei Logical Volume con il comando lvdisplay.

[user@localhost ~]$ sudo lvdisplay 
  --- Logical volume ---
  LV Path                /dev/fedora_localhost-live/root
  LV Name                root
  VG Name                fedora_localhost-live
  LV UUID                JK75u6-xAVS-SP8h-K30B-M8Ts-IFOq-3ld7yl
  LV Write Access        read/write
  LV Creation host, time localhost-live, 2020-12-30 11:16:52 +0100
  LV Status              available
  # open                 1
  LV Size                9.00 GiB
  Current LE             2304
  Segments               1
  Allocation             inherit
  Read ahead sectors     auto
  - currently set to     256
  Block device           253:0
   
  --- Logical volume ---
  LV Path                /dev/fedora_localhost-live/home
  LV Name                home
  VG Name                fedora_localhost-live
  LV UUID                UAQ2EG-rwZu-tyvj-JuFX-Adby-J442-kqZ31f
  LV Write Access        read/write
  LV Creation host, time localhost-live, 2020-12-30 11:17:08 +0100
  LV Status              available
  # open                 1
  LV Size                <10.00 GiB
  Current LE             2559
  Segments               1
  Allocation             inherit
  Read ahead sectors     auto
  - currently set to     256
  Block device           253:2

Questa la situazione dei volumi cifrati, con il comando cryptsetup (il nome lo ricaviamo dal comando lsblk).

[user@localhost ~]$ sudo cryptsetup status luks-d96ecc6b-57b3-4d18-aa1d-debb33725bd7 
/dev/mapper/luks-d96ecc6b-57b3-4d18-aa1d-debb33725bd7 is active and is in use.
  type:    LUKS2
  cipher:  aes-xts-plain64
  keysize: 512 bits
  key location: keyring
  device:  /dev/mapper/fedora_localhost--live-home
  sector size:  512
  offset:  32768 sectors
  size:    20930560 sectors
  mode:    read/write
  flags:   discards 
[user@localhost ~]$ sudo cryptsetup status luks-dc94334a-0c53-433a-8ff3-2a55ee295f33 
/dev/mapper/luks-dc94334a-0c53-433a-8ff3-2a55ee295f33 is active and is in use.
  type:    LUKS2
  cipher:  aes-xts-plain64
  keysize: 512 bits
  key location: keyring
  device:  /dev/mapper/fedora_localhost--live-root
  sector size:  512
  offset:  32768 sectors
  size:    18841600 sectors
  mode:    read/write
  flags:   discards 

Partiamo con una Live

Facciamo boot con una Live di Fedora.

Di nuovo, la situazione con lsblk è questa.

[liveuser@localhost-live ~]$ lsblk 
NAME                            MAJ:MIN RM  SIZE RO TYPE MOUNTPOINT
loop0                             7:0    0  1.8G  1 loop 
loop1                             7:1    0  7.5G  1 loop 
├─live-rw                       253:0    0  7.5G  0 dm   /
└─live-base                     253:1    0  7.5G  1 dm   
loop2                             7:2    0   32G  0 loop 
└─live-rw                       253:0    0  7.5G  0 dm   /
sr0                              11:0    1  1.9G  0 rom  /run/initramfs/live
zram0                           251:0    0  989M  0 disk [SWAP]
vda                             252:0    0   40G  0 disk 
├─vda1                          252:1    0    1G  0 part 
└─vda2                          252:2    0   19G  0 part 
  ├─fedora_localhost--live-root 253:2    0    9G  0 lvm  
  └─fedora_localhost--live-home 253:3    0   10G  0 lvm 

Creiamo una partizione con fdisk

Creiamo una nuova partizione con fdisk sullo spazio non allocato.

/dev/vda è il disco su cui si trova lo spazio non allocato/partizionato.

La sequenza dei comandi usati in fdisk è questa:
p stampa lo schema delle partizioni
n nuova partizione
p partizione primaria
3 Partition number
invio per First sector
invio per Last sector
p stampa lo schema delle partizioni
w scrivi le modifiche

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo fdisk /dev/vda

Welcome to fdisk (util-linux 2.36).
Changes will remain in memory only, until you decide to write them.
Be careful before using the write command.

Command (m for help): p
Disk /dev/vda: 40 GiB, 42949672960 bytes, 83886080 sectors
Units: sectors of 1 * 512 = 512 bytes
Sector size (logical/physical): 512 bytes / 512 bytes
I/O size (minimum/optimal): 512 bytes / 512 bytes
Disklabel type: dos
Disk identifier: 0x682c9d55

Device     Boot   Start      End  Sectors Size Id Type
/dev/vda1  *       2048  2099199  2097152   1G 83 Linux
/dev/vda2       2099200 41943039 39843840  19G 8e Linux LVM

Command (m for help): n
Partition type
   p   primary (2 primary, 0 extended, 2 free)
   e   extended (container for logical partitions)
Select (default p): p
Partition number (3,4, default 3): 
First sector (41943040-83886079, default 41943040): 
Last sector, +/-sectors or +/-size{K,M,G,T,P} (41943040-83886079, default 83886079): 

Created a new partition 3 of type 'Linux' and of size 20 GiB.

Command (m for help): p
Disk /dev/vda: 40 GiB, 42949672960 bytes, 83886080 sectors
Units: sectors of 1 * 512 = 512 bytes
Sector size (logical/physical): 512 bytes / 512 bytes
I/O size (minimum/optimal): 512 bytes / 512 bytes
Disklabel type: dos
Disk identifier: 0x682c9d55

Device     Boot    Start      End  Sectors Size Id Type
/dev/vda1  *        2048  2099199  2097152   1G 83 Linux
/dev/vda2        2099200 41943039 39843840  19G 8e Linux LVM
/dev/vda3       41943040 83886079 41943040  20G 83 Linux

Command (m for help): w
The partition table has been altered.
Syncing disks.

La situazione con lsblk adesso è questa (notare vda3).

[liveuser@localhost-live ~]$ lsblk 
NAME                            MAJ:MIN RM  SIZE RO TYPE MOUNTPOINT
loop0                             7:0    0  1.8G  1 loop 
loop1                             7:1    0  7.5G  1 loop 
├─live-rw                       253:0    0  7.5G  0 dm   /
└─live-base                     253:1    0  7.5G  1 dm   
loop2                             7:2    0   32G  0 loop 
└─live-rw                       253:0    0  7.5G  0 dm   /
sr0                              11:0    1  1.9G  0 rom  /run/initramfs/live
zram0                           251:0    0  989M  0 disk [SWAP]
vda                             252:0    0   40G  0 disk 
├─vda1                          252:1    0    1G  0 part 
├─vda2                          252:2    0   19G  0 part 
│ ├─fedora_localhost--live-root 253:2    0    9G  0 lvm  
│ └─fedora_localhost--live-home 253:3    0   10G  0 lvm  
└─vda3                          252:3    0   20G  0 part 

Espandiamo il VG

Espandiamo il Volume Group includendo anche la nuova partizione.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo vgextend fedora_localhost-live /dev/vda3
  Physical volume "/dev/vda3" successfully created.
  Volume group "fedora_localhost-live" successfully extended

Vediamo con pvdisplay lo stato dei Physical Volume.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo pvdisplay 
  --- Physical volume ---
  PV Name               /dev/vda2
  VG Name               fedora_localhost-live
  PV Size               <19.00 GiB / not usable 3.00 MiB
  Allocatable           yes (but full)
  PE Size               4.00 MiB
  Total PE              4863
  Free PE               0
  Allocated PE          4863
  PV UUID               kjwVuW-3xI0-37Ow-5WoL-zxDD-CKYg-GEagIp
   
  --- Physical volume ---
  PV Name               /dev/vda3
  VG Name               fedora_localhost-live
  PV Size               20.00 GiB / not usable 4.00 MiB
  Allocatable           yes 
  PE Size               4.00 MiB
  Total PE              5119
  Free PE               5119
  Allocated PE          0
  PV UUID               nVgnn8-CgZG-xgeH-hTBr-cTc0-1G18-trQQls

E con vgdisplay lo stato del Volume Group.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo vgdisplay 
  --- Volume group ---
  VG Name               fedora_localhost-live
  System ID             
  Format                lvm2
  Metadata Areas        2
  Metadata Sequence No  4
  VG Access             read/write
  VG Status             resizable
  MAX LV                0
  Cur LV                2
  Open LV               0
  Max PV                0
  Cur PV                2
  Act PV                2
  VG Size               38.99 GiB
  PE Size               4.00 MiB
  Total PE              9982
  Alloc PE / Size       4863 / <19.00 GiB
  Free  PE / Size       5119 / <20.00 GiB
  VG UUID               S9z1Ja-C1Kd-hBlv-qRtb-C3MK-762H-pIo4UP

Espandiamo il LV “root”

Aggiungiamo, in questo caso, 10GB al volume logico “root”.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo lvextend -L+10G /dev/fedora_localhost-live/root
  Size of logical volume fedora_localhost-live/root changed from 9.00 GiB (2304 extents) to 19.00 GiB (4864 extents).
  Logical volume fedora_localhost-live/root successfully resized.

“Apriamo” il volume cifrato. Il nome “secret-root” è arbitrario, lo ritroveremo sotto /dev/mapper

sudo cryptsetup luksOpen /dev/mapper/fedora_localhost--live-root secret-root
Enter passphrase for /dev/mapper/fedora_localhost--live-root:

Estendiamo il file system

Controlliamo il file system con fsck prima di estenderlo.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo e2fsck -f /dev/mapper/secret-root 
e2fsck 1.45.6 (20-Mar-2020)
Pass 1: Checking inodes, blocks, and sizes
Pass 2: Checking directory structure
Pass 3: Checking directory connectivity
Pass 4: Checking reference counts
Pass 5: Checking group summary information
/dev/mapper/secret-root: 160322/589824 files (0.2% non-contiguous), 1655214/2355200 blocks

A questo punto estendiamo il file system contenente la root.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo resize2fs -p /dev/mapper/secret-root 
resize2fs 1.45.6 (20-Mar-2020)
Resizing the filesystem on /dev/mapper/secret-root to 4976640 (4k) blocks.
The filesystem on /dev/mapper/secret-root is now 4976640 (4k) blocks long.

Espandiamo il LV “home”

Facciamo la stessa operazione sul Logical Volume “home”, assegnandogli tutto lo spazio rimanente nel Volume Group.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo lvextend -l +100%FREE /dev/fedora_localhost-live/home
  Size of logical volume fedora_localhost-live/home changed from <10.00 GiB (2559 extents) to 19.99 GiB (5118 extents).
  Logical volume fedora_localhost-live/home successfully resized.

“Apriamo” il volume cifrato home.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo cryptsetup luksOpen /dev/mapper/fedora_localhost--live-home secret-home
Enter passphrase for /dev/mapper/fedora_localhost--live-home:

Estendiamo il file system

Eseguiamo anche qui fsck.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo e2fsck -f /dev/mapper/secret-home 
e2fsck 1.45.6 (20-Mar-2020)
Pass 1: Checking inodes, blocks, and sizes
Pass 2: Checking directory structure
Pass 3: Checking directory connectivity
Pass 4: Checking reference counts
Pass 5: Checking group summary information
/dev/mapper/secret-home: 380/654080 files (2.6% non-contiguous), 74434/2616320 blocks

E ridimensioniamo il file system.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo resize2fs -p /dev/mapper/secret-home 
resize2fs 1.45.6 (20-Mar-2020)
Resizing the filesystem on /dev/mapper/secret-home to 5236736 (4k) blocks.
The filesystem on /dev/mapper/secret-home is now 5236736 (4k) blocks long.

Uscita dalla sessione Live

“Chiudiamo” i dischi cifrati.

[liveuser@localhost-live ~]$ sudo cryptsetup luksClose secret-home
[liveuser@localhost-live ~]$ sudo cryptsetup luksClose secret-root

E riavviamo il sistema (non in Live).

La nuova situazione

Una volta dentro al sistema, la situazione è questa.

Con lsblk.

[user@localhost ~]$ lsblk 
NAME                                            MAJ:MIN RM  SIZE RO TYPE  MOUNTPOINT
sr0                                              11:0    1  1.9G  0 rom   /run/media/user/Fedora-WS-Live-33-1-2
zram0                                           251:0    0  989M  0 disk  [SWAP]
vda                                             252:0    0   40G  0 disk  
├─vda1                                          252:1    0    1G  0 part  /boot
├─vda2                                          252:2    0   19G  0 part  
│ ├─fedora_localhost--live-root                 253:0    0   19G  0 lvm   
│ │ └─luks-dc94334a-0c53-433a-8ff3-2a55ee295f33 253:1    0   19G  0 crypt /
│ └─fedora_localhost--live-home                 253:2    0   20G  0 lvm   
│   └─luks-d96ecc6b-57b3-4d18-aa1d-debb33725bd7 253:3    0   20G  0 crypt /home
└─vda3                                          252:3    0   20G  0 part  
  ├─fedora_localhost--live-root                 253:0    0   19G  0 lvm   
  │ └─luks-dc94334a-0c53-433a-8ff3-2a55ee295f33 253:1    0   19G  0 crypt /
  └─fedora_localhost--live-home                 253:2    0   20G  0 lvm   
    └─luks-d96ecc6b-57b3-4d18-aa1d-debb33725bd7 253:3    0   20G  0 crypt /home

Con df.

[user@localhost ~]$ df -h
Filesystem      Size  Used Avail Use% Mounted on
devtmpfs        969M     0  969M   0% /dev
tmpfs           990M     0  990M   0% /dev/shm
tmpfs           396M  1.5M  395M   1% /run
/dev/dm-1        19G  6.2G   12G  35% /
tmpfs           990M   48K  990M   1% /tmp
/dev/vda1       976M  185M  725M  21% /boot
/dev/dm-3        20G   75M   19G   1% /home
tmpfs           198M  140K  198M   1% /run/user/1000

Con gparted (nota: non gestisce LVM).

Con blivet-GUI

As stated in the wiki, #Fedora is still not officially supported on the #Raspberry Pi 4.

However you can install it, and it somehow works.

sudo arm-image-installer --image=Fedora-Minimal-33-1.3.aarch64.raw.xz --media=/dev/mmcblk0 --resizefs --target=rpi4

HDMI works, but I didn't test any DE, I used only the terminal.

WiFi seems to work pretty well.

All the 8GB of RAM are visible.

All the four CPU cores are visible.

$ lscpu
...
CPU(s):                          4
On-line CPU(s) list:             0-3
Thread(s) per core:              1
Core(s) per socket:              4
...
CPU max MHz:                     1500.0000
CPU min MHz:                     600.0000
...

I inserted an USB stick in the USB3 port, and I can mount and work on it.

$ lsusb
Bus 002 Device 004: ID 0781:5591 SanDisk Corp. Ultra Flair
Bus 002 Device 001: ID 1d6b:0003 Linux Foundation 3.0 root hub
Bus 001 Device 002: ID 2109:3431 VIA Labs, Inc. Hub
Bus 001 Device 001: ID 1d6b:0002 Linux Foundation 2.0 root hub

Serial console works.

Overall performance is pretty good. Compared to a #RPi 3, the RPi 4 is far more fast.

Encountered issues

Boot without an attached display doesn't work

Add hdmi_force_hotplug=1 to /boot/efi/config.txt

Install ethtool and issue

ethtool -s eth0 autoneg off speed 100 duplex full

(Articolo tratto da Fedora Magazine e tradotto in velocità)

È arrivata! Siamo orgogliosi di annunciare il rilascio di #Fedora 32. Grazie al duro lavoro delle migliaia di membri e contributori della comunità di Fedora, siamo qui a celebrare un’altra release uscita nei tempi prestabiliti.

Se volete subito provarla senza troppi discorsi, andate subito su https://getfedora.org Se invece volete maggiori dettagli, continuate a leggere!

Tutti i gusti di Fedora

Le “Fedora Editions” sono delle edizioni di Fedora costruite pensando a uno specifico utilizzo.

“Fedora Workstation” si concentra sul desktop. In particolare è orientata agli sviluppatori di software che vogliono un’esperienza “che funziona e basta”. Questa release è caratterizzata da GNOME 3.36, che come sempre arriva con un sacco di migliorie. La mia feature favorita è il nuovo lock screen!

Fedora Server ha a bordo gli ultimimissimi software open source per agli amministratori di sistema in una semplice forniti in una maniera semplice da implementare. Per i casi d’uso dell’edge computing, Fedora IoT fornisce una solida base per gli ecosistemi IoT.

Fedora CoreOS è una Fedora Edition emergente. Si tratta di un sistema operativo minimale che si auto aggiorna, pensato per far girare i container in un ambiente sicuro e scalabile. Offre numerosi flussi (stream) di aggiornamento che possono essere seguiti per gli aggiornamenti automatici che vengono rilasciati ogni due settimane circa. Al momento il flusso next sarà basato su Fedora 32, e a seguire i flussi stable e testing. Puoi trovare le informazioni relative agli artifatti che seguiranno il flusso next dalla pagina di download e le informazioni relative a questi artifatti nelle pagine di documentazione di Fedora CoreOS.

Ovviamente produciamo più cose di queste edizioni. Le Fedora Spin e i Fedora Lab si rivolgono a un pubblico diversificato e a numerosi casi d’uso, come il Fedora Astronomy Lab, che arriva con un set completo di software open source utile sia agli hobbisti che ai professionisti dell’astronomia, e ambienti desktop come KDE Plasma e Xfce. Una novità di Fedora 32 è il Comp Neuro Lab, sviluppato dal team Neuroscience e indirizzato alle neuroscienze computazionali.

E non dimenticatevi le nostre architetture alternative: ARM AArch64, Power, and S390x. Una nota particolare va al fatto che abbiamo migliorato il supporto per i device basati sul SOC Rockchip inclusi il Rock960, il RockPro64, e il Rock64.

Miglioramenti generali

Non importa quale variante di Fedora utilizzi: avrai tutte le novità che il mondo open source ha da offrire. Seguendo una delle nostre basi, “First”, abbiamo aggiornato i principali linguaggi di programmazione e le librerie di sistema, inclusi GCC 10, Ruby 2.7, e Python 3.8. Ovviamente, con Python 2 che è ben oltre la data di end-of-life, abbiamo rimosso da Fedora la maggior parte dei pacchetti basati su Python 2. Un pacchetto legacy chiamato python27 viene fornito agli sviluppatori e agli utenti che ne hanno ancora bisogno. Su Fedora Workstation, abbiamo abilitato di default il servizio EarlyOOM per migliorare l’esperienza d’uso nelle situazioni in cui la memoria libera viene a scarseggiare.

Siamo entusiasti che potrete provare questa nuova release! Andate su https://getfedora.org/ e scaricatela adesso. Oppure, se state già usando Fedora, seguite le semplici istruzioni per effettuare l’aggiornamento.

Nell’improbabile caso di un problema…

Se incappate in un problema, date un’occhiata alle pagine dei bug noti di Fedora 32, e se avete domande, visitate la piattaforma di mutuo supporto Ask Fedora.

Grazie a tutti

Grazie alle migliaia di persone che hanno contribuito al Fedora Project in questo ciclo di rilascio, e specialmente a coloro che hanno lavorato ancora più duramente per fare uscire nei tempi prefissati questa release in questo periodo di pandemia. Fedora è una comunità, ed è fantastico vedere quanto ci siamo supportati uno con l’altro. Vi invito ad unirvi a noi il 28 e il 29 aprile durante il Red Hat Summit Virtual Experience per conoscere di più circa Fedora e le altre comunità.

Following the blog post Installing and configuring Folding@Home in Fedora by jorti, I would like to talk of BOINC too.

I'm not a scientist, I only know that BOINC is a distributed computing system where you can donate CPU cycles of you computer to scientific projects. You can join various projects, from astrophysics to biology.

You can find more informations here: https://boinc.berkeley.edu/

On #Fedora you can find the boinc-client as well the boinc-manager in the official repository.

But to speed up configuration, you can use the BOINC Docker image with podman.

mkdir /home/youruser/boinc

podman run -d \
  --name boinc \
  --net=host \
  --pid=host \
  -v /home/youruser/rosetta:/var/lib/boinc:Z \
  -e BOINC_GUI_RPC_PASSWORD="1234" \
  -e BOINC_CMD_LINE_OPTIONS="--allow_remote_gui_rpc" \
  boinc/client

Now install the boinc-manager (the GUI) on your host:

sudo dnf install boinc-manager

Then connect to the boinc-client running inside the podman container.

boincmgr --verbose -n localhost -p 1234

If you run the boinc-client on a remote machine, configure the firewall allowing the 31416 TCP port.

sudo firewall-cmd --zone=public --permanent --add-port=31416/tcp

sudo firewall-cmd --reload

Now you can join the Rosetta@Home project.

More info: https://www.reddit.com/r/COVID19/comments/f5as77/distributed_computing_project_rosettahome_is/

Il 20 Febbraio si terrà un nuovo Test Day per Fedora. Questa volta alla ricerca di bug sulla versione di GNOME che troveremo su #Fedora 32.

Sicuramente un bel po' di bug :–)

Maggiori informazioni sulla pagina del wiki dedicata all'evento.

Il Kernel Team e il QA Team di #Fedora hanno organizzato una Fedora Test Week per il Kernel 5.5, che si terrà dal 10 al 17 febbraio.

Anche chi non è coinvolto nello sviluppo della distribuzione è invitato a partecipare.

Cos'è una Fedora Test Week

La comunità di Fedora, in occasione dell'uscita di una nuova release della distribuzione, dell'arrivo di una nuova release del kernel #Linux, o di qualche altro componente, organizza delle giornate, o come in questo caso delle settimane, in cui le persone sono invitate a eseguire dei test. A caccia di bug.

È possibile ritrovarsi su un canale IRC dove condividere esperienze o problemi riscontrati, oppure chiedere delucidazioni per l'esecuzione dei test.

Come funziona il test del kernel 5.5 su Fedora

Non è difficile partecipare. Sarà possibile eseguire i test sia in una macchina virtuale (KVM, Virtualbox, whatever) che su una macchina fisica. In questo caso è sconsigliato installare il nuovo kernel se è una macchina di produzione, ossia contiene dati e servizi importanti.

Verrà resa disponibile una Live, oppure si potrà installare l'RPM del nuovo kernel. Oltre a valutare se il sistema e le varie periferiche sono funzionanti, sarà possibile eseguire un tool che effettuerà dei test (robe che chi le capisce è bravo) e restituirà dei risultati.

I risultati ed eventuali bug riscontrati si dovranno poi inserire in un'apposita pagina web dedicata all'evento.

Maggiori informazioni

Leggete l'articolo su Fedora Magazine

Consultate la pagina del wiki dedicata all'evento per avere delle informazioni dettagliate.

Una domanda (o forse un dubbio esistenziale) che spesso viene fatta dall'utente Linux (GNU/Linux come preferite) è: perché usate questa distribuzione piuttosto che un'altra?

Le risposte possono essere le più diverse. Ovviamente. Non credo proprio che esista la risposta oggettiva. Ognuno può sforzarsi di cercare le motivazioni le più convincenti, gli aspetti tecnici oppure gli aspetti relativi alla comunità che c'è dietro. Ma allo stesso modo, se uno vuole criticare una distribuzione, ha sempre in mano ottime ragioni e facili punti deboli da mettere sul piatto.

Quindi, porre questa domanda per cercare le proprie motivazioni, forse è solo uno scambio di opinioni filosofiche. DNF è meglio di APT? Troverai chi dice che DNF è il peggior sistema di gestione dei pacchetti. La comunità? Ogni distribuzione ha dietro una comunità, e poi, quale comunità? Quella nazionale? Quella internazionale? E anche qui, se uno vuol criticare, trova sempre qualche dietrologia o punto di vista distruttivo a cui fare riferimento. Per dire, nelle comunità italiane trovi sempre una gran quantità di saccenti addottorati che sanno tutto loro, a loro agio nel guardarti dall'alto in basso e che sono poco inclini ad accogliere i nuovi arrivati. Almeno nelle mie povere esperienze. Sempre che ci sia un qualcosa che si possa definire comunità e non orticello.

Personalmente il fatto è questo: ho iniziato a usare Linux (GNU/Linux, come preferite) con Red Hat Linux. Ho imparato il poco che so partendo da lì e continando con Fedora Core. A causa di varie peripezie ho usato Debian, Ubuntu, Arch e finanche Gentoo. Ho conosciuto persone che maneggiano Debian magnificamente. Se cerchi come fare qualcosa, trovi spesso la guida dove la distribuzione utilizzata è Ubuntu. Alcuni software forniscono il pacchetto solo per Ubuntu. Il wiki di Arch è pieno di informazioni. Ma come dire, mi sono sempre imbattuto in qualcosa di talmente frustrante (non ho esempi a portata di mano, anche perché qui vado a sensazioni) che mi ha sempre fatto rimpiangere il fatto che non fossi su #Fedora. Ma insomma, la mia scelta non ha niente di tecnicamente o filosoficamente convincente.

In conclusione, quindi, ognuno provi tutte le distribuzioni che vuole. Forse prima o poi troverà quella dove accasarsi. Certamente non bisogna assumere un'atteggiamento da stadio: questa è la migliore e quella è la peggiore. Dopotutto criticare le cose è sempre facile.

E c'è anche chi non riesce a stare con la stessa distribuzione per troppo tempo (ci si stufa di qualsiasi cosa, una distribuzione perché dovrebbe essere da meno?). Il bello delle distribuzioni Linux (GNU/Linux se preferite) è anche avere la libertà di cambiare quando ne abbiamo voglia.

Vediamo se riesco a tenere un blog in italiano che parla di #fedora, Fedora #Linux ovviamente.

Fino ad oggi ho sempre scritto qualcosa in inglese sull'altro blog. Scrivere in inglese è una cosa per me faticosa, purtroppo. Inglese... diciamo inglese maccheronico. Faticosa... è faticoso scrivere anche in italiano :-D

Ho sempre fatto questo pensando che la platea di lettori in questo modo sarebbe stata più ampia; non tanto per attirare click o diventare una web star, ma per condividere eventuali informazioni con un maggior numero di persone. Cosa che continuerò a fare.

Però se ho qualcosa che mi torna più agile scrivere in italiano, questo è il nuovo posto.

Come sempre, vediamo fra quanto tempo mi passa la voglia :-D